a collective e-book in progress

 

LUIGI PELLEGRIN E IL

LABORATORIO DI VIA DEI LUCCHESI

 un libro in fieri di Autori Vari

 

 

Capitolo 2 - Sulle radici del suo messaggio

LETTERA DI ANNA, NIPOTE DI CARLO, AGLI AMICI DI GIGI

di Anna, la nipote di Carlo Cesana © - 1° ottobre 2016

 

 

Carissimi, amici e compagni di Carlo,

solo in questi giorni sono riuscita ad aprire il computer di zio e a rileggere i vostri messaggi.

Tra i file ho ritrovato il suo lavoro, i progetti realizzati e quelli a cui si è dedicato in questi ultimi anni, seguendo la sua visione di Architetto, libero da committenze e norme.

Carlo ha vissuto fino all’ultimo sostenuto dalla sua passione: l’amore per la capacità dell’uomo di dare forma all’idee. Così tra i suoi documenti c’erano la sua Architettura e materiale riguardante il mio lavoro artistico, a cui sempre ha partecipato.

Alcuni di voi li ho incontrati ventenne “a” Studio Pellegrin, là dove anch’io sono arrivata assetata e alla ricerca di una fonte “vera”. Altri li ho conosciuti successivamente, nei miei viaggi a Roma, la città che ad ogni passaggio nutriva e svelava; la città dove Pellegrin mi accoglieva con con ciò che in quella fase il percorso richiedeva, bastone o carota; la città dove zio Carlo mi ospitava e mai ha negato il suo sostegno, anche quando non gli era facile capire.

Altri ancora li ho conosciuti solo per nome, attraverso i racconti di zio quando parlava della vostra vita “a studio”.

 

A tutti voi voglio rivolgere il mio ringraziamento per le parole con le quali avete ricordato e salutato Carlo. Conoscevo quanto fosse importante per lui l’esperienza condivisa con voi, ma quando alcuni dei suoi amici “di studio”, insieme e per lui inaspettatamente, sono entrati nella stanza dello Spallanzani, mi ha commossa lo stupore e la profonda felicità che gli ho visto vivere e di come, attraverso loro, Carlo stava ringraziando e salutando ognuno di voi.

Carlo ha vissuto gli anni di malattia in silenzio e con la sua proverbiale riservatezza, condividendo la sua nuova esperienza umana con gli altri malati, gli infermieri e i medici che lo hanno assistito; ha seguito quasi tutte le terapie in autonomia, voleva andare da solo, guidando la sua auto, e desiderava essere accompagnato solo durante le visite, quando la mia presenza poteva aiutarlo a “capire” meglio. Non so se e quali battaglie si sono svolte dentro di lui: consapevole, passo dopo passo, di quello che stava avvenendo dentro al suo corpo, ha, fino all’ultimo, espresso la volontà di “camminare” e al tempo stesso una serena accettazione della morte come naturale manifestazione della materia organica.

 

Nelle notti di luglio, durante il sonno, ho rievocato gli ultimi mesi, la scelta di interrompere le ormai inutili terapie, la ricerca di un luogo dove Carlo potesse vivere i suoi ultimi giorni dignitosamente, così come desiderava: una stanza da solo, il suo computer, una finestra con gli alberi e il cielo. Poi una notte, in sogno, Carlo è venuto a trovarmi per regalarmi tre volumi di disegni in bianco e nero: in uno di essi, quello che ricordo meglio, sono rappresentati tutti i tipi di funghi sulle diverse cortecce di alberi; un altro raccoglie le innumerevoli forme di conchiglie mentre il terzo libro rimane un mistero… nel sogno non ho fatto a tempo a sfogliarlo.

Una notte di agosto Carlo è tornato velocemente per farmi vedere che finalmente ha ripreso a guidare la sua auto…

Un caro abbraccio a tutti voi

 

     Anna, la nipote di Carlo.

 

 

 

 

 

 

 number of  visitors from 2012 :

                    thanks for your visit

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ACKNOWLEDGMENTS

Even the longest journey begins with a first step! Systemic Habitats is online since the 18th of May, 2012. This website was created to publish online my ebook "Towards another habitat" on the contemporary architecture and urbanism; later many other contents were added. For their direct or indirect very important contribution to the realisation of this website, we would like to thank: Roberto Vacca, Marco Pizzuti, Fiorenzo and Raffaella Zampieri, Antonella Todeschini, Ecaterina Bagrin, Stefania Ciocchetti, Marcello Leonardi, Joseph Davidovits, Frédéric Davidovits, Rossella Sinisi, Pasquale Cascella, Carlo Cesana, Filippo Schiavetti Arcangeli, Laura Pane, Antonio Montemiglio, Patrizia Piras, Bruno Nicola Rapisarda, Ruberto Ruberti, Marco Cicconcelli, Ezio Prato, Sveva Labriola, Rosario Fracalanza, Giacinto Sabellotti, all the Amici di Gigi, Ruth and Ricky Meghiddo, Natalie Edwards, Rafael Schmitd, Nicola Romano, Sergio Bianchi, Cesare Rocchi, Henri Bertand, Philippe Salgarolo, Paolo Piva, Norbert Trenkle, Gaetano Giuseppe Magro, Carlo Blangiforti, Mario Ludovico, Riccardo Viola, Giulio Peruzzi, and last but not least the kind Staff of 1&1. M.L.

 

 

 

 

 

         e x t e r n a l    l i n k s :