a collective e-book in progress

 

LUIGI PELLEGRIN E IL

LABORATORIO DI VIA DEI LUCCHESI

 un libro in fieri di Autori Vari

 

 

Capitolo 1 - Testimonianze

UN RICORDO DI LUIGI PELLEGRIN

di Sveva Labriola © - 28 gennaio 2014

 

 

Roma, 27 gennaio 2014 - Acquario Romano *

 

Un ricordo di Luigi Pellegrin

 

Ho conosciuto Luigi Pellegrin all’università, quando mi consigliarono di seguire il suo corso per progettazione 4 (il mio professore assegnato era un altro: chiesi il cambio di cattedra - forse l’unica).

Posso solo parlare della mia breve esperienza di studio.

Esperienza formativa, non finalizzata ad un suo utile, ma alla nostra educazione.

Faticosamente è uscito il libro, postumo, che andrebbe letto da tutti, a prescindere da ciò che ognuno è o fa...

Maestro di vita, soprattutto, ha inciso nelle nostre personalità.

Era duro ed offensivo, allo scopo di scuoterci, aprirci gli occhi, mettere in funzione il nostro cervello, il nostro carattere, la nostra volontà.

Ci ha insegnato a trarre profitto dalla fatica, intesa come sforzo ultimo per far lavorare al massimo la nostra mente.

 

Ricordo le grida quando, terminata la revisione degli elaborati di esame, il mio collega disse: ”ho capito architetto, adesso farò così e così....con calma..”: Pellegrin saltò su tutte le furie, iniziò ad urlare contro il malcapitato, dicendo che lui con calma non avrebbe mai fatto nulla....

Ci ha insegnato a guardare la realtà con gli occhi di bambini intelligenti, ma nello stesso tempo ci ha insegnato l’importanza dello studio, quello vero, quello attraverso i segni della Natura, dell’Uomo, dei grandi Maestri.

Ci ha anche insegnato a vedere il buono che c’è nel cattivo: ricordo come, a bassa voce, ci diceva quanto grandiosa fosse l’urbanistica fascista...

Era drastico, violento, duro, spietato, ma non lasciava nessuno indietro, non lasciava nessuno, dopo averlo ricoperto di insulti, e stracciato regolarmente le tavole, senza una chiave di lettura, uno stimolo, un seme....

E’ stato un grande educatore, un maestro. Io ho seguito tutti i corsi all’università, di alcuni professori non ricordo il nome, né il viso. Di Pellegrin ogni parola, ogni mossa, ogni ruga.

 

Incontrare una persona così nella vita è ciò che auguro a tutti.

Ha costruito moltissimo, se contiamo i metri cubi edificati da lui e li confrontiamo con quelli realizzati da molti architetti, anche docenti, alla fine della propria carriera, ci rendiamo conto che il mondo va alla rovescia (direbbe Pellegrin: il mondo è morto, non c’è speranza).

Non è stato capito, nonostante tutto. Non c’è da stupirsi, con quello che si vede in giro: una società disperata, nulla, vuota, che tenta in modo maldestro di autodistruggersi.

 

Voglio chiudere con una piccola nota positiva, gettando un seme sul terreno bruciato (come farebbe lui): leggetelo, studiatelo, capitelo, diffondetelo, pubblicatelo (senza travisarlo: meglio muti disegni e suoi sintetici scritti); tramandatelo intatto finché il mondo non sarà capace di capirlo.

 

Sveva Labriola

 

 

 

 

 

(*N.d.R.: l'Acquario Romano è l'attuale sede dell'Ordine degli Architetti di Roma e Provincia, che ha ospitato il 27 gennaio 2014 una conferenza su Pellegrin, a corredo della Mostra "Copiare Saturno" organizzata dall'Arch. Luigi Bianchi, con la partecipazione del Prof. Arch. Luigi Prestinenza Puglisi; vedi pagine successive.)

 


 

 

 number of  visitors from 2012 :

                    thanks for your visit

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ACKNOWLEDGMENTS

Even the longest journey begins with a first step! Systemic Habitats is online since the 18th of May, 2012. This website was created to publish online my ebook "Towards another habitat" on the contemporary architecture and urbanism; later many other contents were added. For their direct or indirect very important contribution to the realisation of this website, we would like to thank: Roberto Vacca, Marco Pizzuti, Fiorenzo and Raffaella Zampieri, Antonella Todeschini, Ecaterina Bagrin, Stefania Ciocchetti, Marcello Leonardi, Joseph Davidovits, Frédéric Davidovits, Rossella Sinisi, Pasquale Cascella, Carlo Cesana, Filippo Schiavetti Arcangeli, Laura Pane, Antonio Montemiglio, Patrizia Piras, Bruno Nicola Rapisarda, Ruberto Ruberti, Marco Cicconcelli, Ezio Prato, Sveva Labriola, Rosario Fracalanza, Giacinto Sabellotti, all the Amici di Gigi, Ruth and Ricky Meghiddo, Natalie Edwards, Rafael Schmitd, Nicola Romano, Sergio Bianchi, Cesare Rocchi, Henri Bertand, Philippe Salgarolo, Paolo Piva, Norbert Trenkle, Gaetano Giuseppe Magro, Carlo Blangiforti, Mario Ludovico, Riccardo Viola, Giulio Peruzzi, and last but not least the kind Staff of 1&1. M.L.

 

 

 

 

 

         e x t e r n a l    l i n k s :

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

RE-EDUCATIONAL CHANNELS :

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

... The numbers 0 and 1 of the blue displays

represent the digital data flows.