Louis

 

 

 Ferdinand 

 

 

 Céline 

 

 

Voyage au bout de la nuit.

 

 

 

Louis-Ferdinnd Céline en 1932.

Source: Wikipedia: L-F. Céline (1894-1961).

 

 

 

 

 

 

 

L.F. Céline - Voyage au bout de la nuit,

Livre audio, I/II

 

L.F. Céline - Voyage au bout de la nuit,

Livre audio, II/II

 

 

 

Voyage au Bout de la Nuit

Résumé, analyse de l'oeuvre complète

 

 

 

Fabrice Luchini: lectures "Voyage au bout de la nuit"

 

Fabrice Luchini lit Louis-Ferdinand Céline, 1988

 

 

 

 

BIBLIOGRAPHIE

 

 

Louis-Ferdinand Céline: "Voyage au bout de la nuit",  Texte intégral avec dossier et notes réalisés par Stéfan Ferrari; lecture d'image par Agnès Verlet; Editions Gallimard, Paris,  1952-2006.

 

"Voyager, c'est bien utile, ça fait travailler l'imagination. Tout le reste n'est que déceptions et fatigues. Notre voyage à nous est entièrement imaginaire. Voilà sa force.

Il va de la vie à la mort. Hommes, bêtes, villes et choses, tout est imaginé. C'est un roman, rien qu'une histoire fictive. Littré le dit, qui ne se trompe jamais.

Et puis d'abord tout le monde peut en faire autant. Il suffit de fermer les yeux.

C'est de l'autrecôté de la vie."

L-F. Céline, "Voyage au bout de la nuit", 1932.

 

 

 

Article extrait de Wikipedia: Louis-Ferdinad Céline: "Voyage au bout de la nuit", 1932. 

 

 

 

 

 

 

 

 

L.F. Céline - Viaggio al termine della notte

 

 

 

BIBLIOGRAFIA

 

 

Louis-Ferdinand Céline: "Viaggio al termine della notte",  traduzione di Ernesto Ferrero, Corbaccio Editore, Milano, 2011.

 

Uno degli autori più controversi del Novecento. A ottant'anni dalla sua pubblicazione e a cinquanta dalla morte del suo autore, Viaggio al termine della notte si impone come il romanzo che ha saputo meglio capire e rappresentare il Novecento, illuminandone con provocatoria originalità espressiva gli aspetti fondamentali. "Céline è stato creato da Dio per dare scandalo", scrisse Bernanos quando nel 1932 il romanzo diventò un successo mondiale, suscitando entusiasmi e contrasti feroci. Lo "scandalo Céline", che dura tuttora, è la profetica lucidità del suo delirio, uno sguardo che nulla perdona a sé e agli altri, che ha il coraggio di affrontare la notte dell'uomo così com'è. L'anarchico Céline, che amava definirsi un cronista, aveva vissuto le esperienze più drammatiche: gli orrori della Grande Guerra e le trincee delle Fiandre, la vita godereccia delle retrovie e l'ascesa di una piccola borghesia cinica e faccendiera, le durezze dell'Africa coloniale, la New York della "folla solitaria", le catene di montaggio della Ford a Detroit, la Parigi delle periferie più desolate dove lui faceva il medico dei poveri, a contatto con una miseria morale prima ancora che materiale. Totalmente nuovo, nel panorama francese ed europeo, è stato poi il suo modo insieme realistico e visionario, sofisticato e plebeo con cui Céline ha ssputo trasfigurare questa materia incandescente. Per lui, in principio, è l'emozione, il sentimento della vita: di qui l'invenzione di un linguaggio che ha tutta l'immediatezza del "parlato" quotidiano, capace di dar voce, tra sarcasmi e pietà, alla tragicommedia di un secolo. Questo libro sembra riassumere in sé la disperazione del Novecento: è in realtà un'opera potentemente comica, esilarante, in cui lo spettacolo dell'abiezione scatena un riso liberatorio, un divertimento grottesco più forte dell'incubo. Oggi il Viaggio, nella classica traduzione di Ernesto Ferrero, scrittore particolarmente attento al "colore" dei linguaggi, si offre a nuove generazioni di lettori con l'intatta freschezza di un "classico" che non finisce di stupire per la sua modernità.

 

 

 

Voce da Wikipedia: Louis-Ferdinad Céline: "Viaggio al termine della notte", 1933.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ACKNOWLEDGMENTS

Even the longest journey begins with a first step! Systemic Habitats is online since the 18th of May 2012. This website was created to publish online my ebook "Towards another habitat" on the contemporary architecture and urbanism. Later many other contents were added. For their direct or indirect contribution to its realisation, we would like to thank: Roberto Vacca, Marco Pizzuti, Fiorenzo and Raffaella Zampieri, Antonella Todeschini, All the Amici di Marco Todeschini, Ecaterina Bagrin, Stefania Ciocchetti, Marcello Leonardi, Joseph Davidovits, Frédéric Davidovits, Rossella Sinisi, Pasquale Cascella, Carlo Cesana, Filippo Schiavetti Arcangeli, Laura Pane, Antonio Montemiglio, Patrizia Piras, Bruno Nicola Rapisarda, Ruberto Ruberti, Marco Cicconcelli, Ezio Prato, Sveva Labriola, Rosario Francalanza, Giacinto Sabellotti, All the Amici di Gigi, Ruth and Ricky Meghiddo, Natalie Edwards, Rafael Schmitd, Nicola Romano, Sergio Bianchi, Cesare Rocchi, Henri Bertand, Philippe Salgarolo, Paolo Piva, Norbert Trenkle, Gaetano Giuseppe Magro, Carlo Blangiforti, Mario Ludovico, Riccardo Viola, Giulio Peruzzi, and last but not least Ahmed Elgazzar.   M.L.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

          e x t e r n a l    l i n k s :

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 Number of Visitors from 2012 :

 

              Thanks for your visit !

 

      M.L.