EVOLUTION ?

 

 

 

 

 

Evolution:  fact or belief ?

 

 

BIBLIOGRAPHY

 

 

Giuseppe Sermonti:  "Why Is a Fly Not a Horse?", Discovery Institute, Seattle, 2005.

This book's Italian title, Dimenticare Darwin, means "Forget Darwin," and its prologue bears the title "Evolution is dead!" The author, Dr. Giuseppe Sermonti, is a respected Italian biologist who boldly shatters the myth that all critics of Darwinian evolution are American religious fundamentalists. This delightful little book is loaded with scientific facts that aren't taught in standard biology classes, but it is also full of history and poetry. Why is a Fly Not a Horse? does not have all the answers, but it asks many of the right questions-in a style that is both entertaining and inspiring. Giuseppe Sermonti is retired Professor of Genetics at the University of Perugia. He discovered genetic recombination in antibiotic-producing Penicillium and Streptomyces and was Vice President at the XIV International Congress of Genetics (Moscow, 1980). Sermonti is Chief Editor of Rivista di Biologia/Biology Forum, one of the oldest still-published biology journals in the world, and he has published seven other books, including Dopo Darwin (After Darwin), with R. Fondi (1980-1984). 

 

 

Main principles of Sedimentology:  Experiments and Videos.

 

 

Main principles of Sedimentology:  Papers.

 

 

Richard Milton:  "Shattering the Myths of Darwinism: A rational criticism of evolution theory", 1997.

Compelling evidence that the most important assumptions on which Darwinism rests are wrong.

The controversial best-seller that sent Oxford University and Nature magazine into a frenzy has at last come to the United States. Shattering the Myths of Darwinism exposes the gaping holes in an ideology that has reigned unchallenged over the scientific world for a century. Darwinism is considered to be hard fact, the only acceptable explanation for the formation of life on Earth, but with keen insight and objectivity Richard Milton reveals that the theory totters atop a shambles of outdated and circumstantial evidence that in any other field would have been questioned long ago.

Sticking to the facts at hand and tackling a vast array of topics, Shattering the Myths of Darwinism offers compelling evidence that the theory of evolution has become an act of faith rather than a functioning science, and that not until the scientific method is applied to it and the right questions are asked will we ever get the true answers to the mystery of life on Earth.

 

 

H. Clay Gorton:  "The Demise of Darwinism: The Rise and Fall of Darwin's Theory of Evolution", 2012.

The controversy between Creationism and the Theory of Evolution has continued to boil since the time of Sir Issac Newton. A true revolution in scientific thinking to discard current theories for a new world view is now underway! The Demise of Darwinism points out the glaring inconsistencies in Darwin's theory, identifies outstanding evidence in support of catastrophism and helps decisive thinkers develop a critical eye regarding the theories of the human race.

 

 

J. Scott Turner:  "Purpose and Desire: What makes something "alive" and why modern darwinism has failed to explain it", 2017.

A professor, biologist, and physiologist argues that modern Darwinism’s materialist and mechanistic biases have led to a scientific dead end, unable to define what life is—and only an openness to the qualities of "purpose and desire" will move the field forward.

Scott Turner contends: "To be scientists, we force ourselves into a Hobson’s choice on the matter: accept intentionality and purposefulness as real attributes of life, which disqualifies you as a scientist; or become a scientist and dismiss life’s distinctive quality from your thinking. I have come to believe that this choice actually stands in the way of our having a fully coherent theory of life."

Growing research shows that life's most distinctive quality, shared by all living things, is purpose and desire: maintain homeostasis to sustain life. In Purpose and Desire, Turner draws on the work of Claude Bernard, a contemporary of Darwin revered among physiologists as the founder of experimental medicine, to build on Bernard’s "dangerous idea" of vitalism, which seeks to identify what makes "life" a unique phenomenon of nature. To further its quest to achieve a fuller understanding of life, Turner argues, science must move beyond strictly accepted measures that consider only the mechanics of nature.

A thoughtful appeal to widen our perspective of biology that is grounded in scientific evidence, Purpose and Desire helps us bridge the ideological evolutionary divide.

 

 

Stephen C. Meyer and Paul A. Nelson:  "Explore Evolution: The arguments for and against neo-darwinism", 2013.

The purpose of Explore Evolution is to examine the scientific controversy about Darwin's theory, and in particular, the contemporary version of the theory known as neo-Darwinism. Whether you are a teacher, a student, or a parent, this book will help you understand what Darwin's theory of evolution is, why many scientists find it persuasive, and why other scientists question the theory or some key aspects of it. Sometimes, scientists find that the same evidence can be explained in more than one way. When there are competing theories, reasonable people can (and do) disagree about which theory best explains the evidence. Furthermore, in the historical sciences, neither side can directly verify its claims about past events. Fortunately, even though we can't directly verify these claims, we can test them. How? First, we gather as much evidence as possible and look at it carefully. Then, we compare the competing theories in light of how well they explain the evidence. Looking at the evidence and comparing the competing explanations will provide the most reliable path to discovering which theory, if any, gives the best account of the evidence at hand. In science, it is ultimately the evidence-and all of the evidence-that should tell us which theory offers the best explanation. This book will help you explore that evidence, and we hope it.

 

 

Phillip E. Johnson and Denis O. Lamoureux:  "Darwinism Defeated? The Johnson-Lamoureux Debate on Biological Origins", 1999.

 

 

Michael J. Behe:  "Darwin's Black Box: The Biochemical Challenge to Evolution", 2006.

Darwin’s Black Box helped to launch the Intelligent Design movement: the argument that nature exhibits evidence of design, beyond Darwinian randomness. Today, with the movement stronger than ever, Michael J. Behe updates the book with an important new Afterword on the state of the debate.

 

 

Michael J. Behe:  "The Edge of Evolution: The Search for the Limits of Darwinism", 2008.

When Michael J. Behe's first book, Darwin's Black Box, was published in 1996, it launched the intelligent design movement. Critics howled, yet hundreds of thousands of readers -- and a growing number of scientists -- were intrigued by Behe's claim that Darwinism could not explain the complex machinery of the cell.

Now, in his long-awaited follow-up, Behe presents far more than a challenge to Darwinism: He presents the evidence of the genetics revolution -- the first direct evidence of nature's mutational pathways -- to radically redefine the debate about Darwinism.

How much of life does Darwin's theory explain? Most scientists believe it accounts for everything from the machinery of the cell to the history of life on earth. Darwin's ideas have been applied to law, culture, and politics.

But Darwin's theory has been proven only in one sense: There is little question that all species on earth descended from a common ancestor. Overwhelming anatomical, genetic, and fossil evidence exists for that claim. But the crucial question remains: How did it happen? Darwin's proposed mechanism -- random mutation and natural selection -- has been accepted largely as a matter of faith and deduction or, at best, circumstantial evidence. Only now, thanks to genetics, does science allow us to seek direct evidence. The genomes of many organisms have been sequenced, and the machinery of the cell has been analyzed in great detail. The evolutionary responses of microorganisms to antibiotics and humans to parasitic infections have been traced over tens of thousands of generations.

As a result, for the first time in history Darwin's theory can be rigorously evaluated. The results are shocking. Although it can explain marginal changes in evolutionary history, random mutation and natural selection explain very little of the basic machinery of life. The "edge" of evolution, a line that defines the border between random and nonrandom mutation, lies very far from where Darwin pointed. Behe argues convincingly that most of the mutations that have defined the history of life on earth have been nonrandom.

Although it will be controversial and stunning, this finding actually fits a general pattern discovered by other branches of science in recent decades: The universe as a whole was fine-tuned for life. From physics to cosmology to chemistry to biology, life on earth stands revealed as depending upon an endless series of unlikely events. The clear conclusion: The universe was designed for life.

 

 

Mark My Words:  "The Scientific Method: Proves that the Theory of Evolution Is False", 2020.

Documenting my current understanding of the Scientific Method and demonstrating how I use the Scientific Method in my pursuit of THE TRUTH.I love studying methodology, or the different versions of the Scientific Method. There are many different Scientific Methods. Observation is my favorite scientific method. Through observation and experience, we can identify and falsify the lies in science. Through observation, we can go directly to “knowing the truth”. One of my specialties is using the different Scientific Methods to falsify the deceptions and the lies in science, starting with the Theory of Evolution. If you are intelligent enough and creative enough, all of the different Scientific Methods can be used to falsify the Theory of Evolution. You just have to be willing to give it some study and thought.The Scientific Methods can be used to prove theories false! It’s called “falsifying” a theory or “negating the consequent”. Our scientists haven’t yet discovered the most powerful and most reliable version of the Scientific Method – the negating the consequent version of the Scientific Method. They don’t know what it is or how to use it. The version of the scientific method that our scientists currently use has a couple of serious flaws or logic fallacies built into it; and, our scientists don’t even know it because they have never studied the Philosophy of Science or the scientific methods.In this book, I used Science and the Scientific Method to falsify Darwinism, Materialism, Naturalism, and the Theory of Evolution – in a number of different ways. It’s easy to do once you know how, and a great deal of fun too. I have never seen anybody do this before; and, I wish that I would have known how to falsify the Theory of Evolution forty years ago. It's so obvious, I wonder why nobody ever thought of it before now.The purpose of the Scientific Method is to help us to find THE TRUTH, through a preponderance of the evidence, and a process of elimination. We find the Truth in Science by identifying and eliminating everything that is false. If you successfully identify and eliminate everything that is false, then ONLY the truth will remain. This is Logic 101. The truths that remain after you have eliminated everything that is false ends up being the things that have been experienced and observed by someone, somewhere, sometime. If a phenomenon or theory has never been experienced nor observed by anyone, not even God, then it can’t possibly be real or true.The Scientific Method has no value to us if we use it to convince ourselves that a LIE is TRUE.The Scientific Methods prove that the Theory of Evolution and the Second Law of Thermodynamics are false. That’s what I discovered during my Pursuit of the True Reality of All Things, and during my study and usage of the Scientific Method. It’s not a gimmick. I actually use the Scientific Method and negating the consequent to falsify Materialism, Naturalism, Darwinism, Nihilism, Atheism, and their derivatives. It’s easy to do once you know how. I’m no longer afraid to have this conversation because I’m no longer a materialist, naturalist, nihilist, or atheist.Collectively, my books stand as a powerful witness that by 2020, the Truths in Science can now be found and known if we are willing to give up the deceptions and the lies. I now know what everything is and how it works. I couldn’t say that with complete confidence before 2020, but now I can. I’m running out of questions to ask that need to be answered. By allowing quantum mechanics and conserved quanta in to play, we can literally explain everything that comes our way. We no longer have to be enslaved to the deceptions and the lies if we don’t want to be.This is one of the most powerful and comprehensive books about the Scientific Method and the Philosophy of Science that has ever been designed and made. Buy it, read it, and see if you agree.

 

 

Whitley R.P. Kaufman:  "Human Nature and the Limits of Darwinism", 2016.

This book compares two competing theories of human nature: the more traditional theory espoused in different forms by centuries of western philosophy and the newer, Darwinian model.  In the traditional view, the human being is a hybrid being, with a lower, animal nature and a higher, rational or “spiritual” component. The competing Darwinian account does away with the idea of a higher nature and attempts to provide a complete reduction of human nature to the evolutionary goals of survival and reproduction.  Whitley Kaufman presents the case that the traditional conception, regardless of one's religious views or other beliefs, provides a superior account of human nature and culture. We are animals, but we are also rational animals.

Kaufman explores the most fundamental philosophical questions as they relate to this debate over human nature—for example: Is free will an illusion? Is morality a product of evolution, with no objective basis?  Is reason merely a tool for promoting reproductive success?  Is art an adaptation for attracting mates? Is there any higher meaning or purpose to human life? Human Nature and the Limits of Darwinism aims to assess the competing views of human nature and present a clear account of the issues on this most pressing of questions.  It engages in a close analysis of the numerous recent attempts to explain all human aims in terms of Darwinian processes and presents the arguments in support of the traditional conception of human nature.

 

 

Jeffrey K Lyons :  "Evolution Myths: A Critical View of neo-Darwinism", 2018.

Today, evolutionary theory is ubiquitous in our secular education systems. This book is a critical view of neo-Darwinism, which is the dominant dogma throughout secular higher education and K-12 public education. The criticisms of neo-Darwinism cited in this book are from various overlapping groups of: scientists, atheists, philosophers and university professors. If you are looking for a resource that will give you sound arguments and facts, that will aid you in thinking critically about Darwinism; this is the resource for you.

Evolution is no longer a biological theory. It permeates the natural sciences, social sciences and philosophy. It has become a meta-theory. Whenever scientific data are absent, both natural and social scientists resort to narrative as a super glue. Evolution is open to criticism!

You will discover the following: Who popularized the term evolution and why Darwin opposed the term evolution. How many times Darwin referred to the Creator in The Origin of Species. What world famous scientist believed DNA was not naturally caused. The Three Barriers to Life, that evolution cannot explain. Proof that life cannot be the result of random forces. How catastrophic events wiped out about 90% of life on Earth. Who are some of the leading scientists and philosophers that dare to question evolution. Chapter summaries will guide you through the topics. Hundreds of scientific sources are cited for further research.

 

 

Michael J. Behe:  "Darwin Devolves: The New Science About DNA That Challenges Evolution", 2020.

The scientist who has been dubbed the “Father of Intelligent Design” and author of the groundbreaking book Darwin’s Black Box contends that recent scientific discoveries further disprove Darwinism and strengthen the case for an intelligent creator.

In his controversial bestseller Darwin’s Black Box, biochemist Michael Behe challenged Darwin’s theory of evolution, arguing that science itself has proven that intelligent design is a better explanation for the origin of life. In Darwin Devolves, Behe advances his argument, presenting new research that offers a startling reconsideration of how Darwin’s mechanism works, weakening the theory’s validity even more.

A system of natural selection acting on random mutation, evolution can help make something look and act differently. But evolution never creates something organically. Behe contends that Darwinism actually works by a process of devolution—damaging cells in DNA in order to create something new at the lowest biological levels. This is important, he makes clear, because it shows the Darwinian process cannot explain the creation of life itself. “A process that so easily tears down sophisticated machinery is not one which will build complex, functional systems,” he writes.

In addition to disputing the methodology of Darwinism and how it conflicts with the concept of creation, Behe reveals that what makes Intelligent Design unique—and right—is that it acknowledges causation. Evolution proposes that organisms living today are descended with modification from organisms that lived in the distant past. But Intelligent Design goes a step further asking, what caused such astounding changes to take place? What is the reason or mechanism for evolution? For Behe, this is what makes Intelligent Design so important.

 

 

Stephen C. Meyer:  "Darwin's Doubt: The Explosive Origin of Animal Life and the Case for Intelligent Design", 2014.

When Charles Darwin finished The Origin of Species, he thought that he had explained every clue, but one. Though his theory could explain many facts, Darwin knew that there was a significant event in the history of life that his theory did not explain. During this event, the “Cambrian explosion,” many animals suddenly appeared in the fossil record without apparent ancestors in earlier layers of rock. 

In Darwin’s Doubt, Stephen C. Meyer tells the story of the mystery surrounding this explosion of animal life—a mystery that has intensified, not only because the expected ancestors of these animals have not been found, but because scientists have learned more about what it takes to construct an animal. During the last half century, biologists have come to appreciate the central importance of biological information—stored in DNA and elsewhere in cells—to building animal forms.

Expanding on the compelling case he presented in his last book, Signature in the Cell, Meyer argues that the origin of this information, as well as other mysterious features of the Cambrian event, are best explained by intelligent design, rather than purely undirected evolutionary processes.

 

 

Robert B. Laughlin:  "The Crime of Reason: And the Closing of the Scientific Mind", 2012.

We all agree that the free flow of ideas is essential to creativity. And we like to believe that in our modern, technological world, information is more freely available and flows faster than ever before. But according to Nobel Laureate Robert Laughlin, acquiring information is becoming a danger or even a crime. Increasingly, the really valuable information is private property or a state secret, with the result that it is now easy for a flash of insight, entirely innocently, to infringe a patent or threaten national security. The public pays little attention because this vital information is “technical”—but, Laughlin argues, information is often labeled technical so it can be sequestered, not sequestered because it's technical. The increasing restrictions on information in such fields as cryptography, biotechnology, and computer software design are creating a new Dark Age: a time characterized not by light and truth but by disinformation and ignorance. Thus we find ourselves dealing more and more with the Crime of Reason, the antisocial and sometimes outright illegal nature of certain intellectual activities.

 

 

Rupert Sheldrake: "The Science Delusion. Freeing The Spirit Of Enquiry", 2012.

Freeing the Spirit of EnquiryThe science delusion is the belief that science already understands the nature of reality. The fundamental questions are answered, leaving only the details to be filled in. In this book (published in the US as Science Set Free), Dr Rupert Sheldrake, one of the world's most innovative scientists, shows that science is being constricted by assumptions that have hardened into dogmas. The 'scientific worldview' has become a belief system. All reality is material or physical. The world is a machine, made up of dead matter. Nature is purposeless. Consciousness is nothing but the physical activity of the brain. Free will is an illusion. God exists only as an idea in human minds, imprisoned within our skulls. Sheldrake examines these dogmas scientifically, and shows persuasively that science would be better off without them: freer, more interesting, and more fun. In The God Delusion Richard Dawkins used science to bash God, but here Rupert Sheldrake shows that Dawkins' understanding of what science can do is old-fashioned and itself a delusion. 'Rupert Sheldrake does science, humanity and the world at large a considerable favour.' The Independent 'Certainly we need to accept the limitations of much current dogma and keep our minds open as we reasonably can. Sheldrake may help us do so through this well-written, challenging and always interesting book.'  Financial Times

 

 

 

"Mai nella storia, per quanto ne sappiamo, c'è stato un tentativo così determinato, riccamente sovvenzionato, politicamente organizzato di persuadere il genere umano che tutto il progresso, tutta la prosperità, tutta la salvezza, individuale e sociale, dipende da un conflitto indiscriminato per il cibo e il denaro, dalla soppressione del debole da parte del forte, dal Libero Commercio, dal Libero Contratto, dalla Libera Competizione, dalla Libertà Naturale, dal Laissez-faire: in breve, dall'abbattere il nostro simile impunemente."

George Bernard Shaw (1856-1950)

 

 

 

 

Evoluzione? 

Nessuna prova scientifica definitiva, è solo un'ipotesi, ecco perché:

"Evoluzione: Scienza o credenza?", documentario di "Le CEP-Centre d'Etudes et de perspective sur la science"  (documentario senza una datazione precisa, periodo 1996-2004 ca.). Interventi di:

- Prof. Roberto Fondi (1943), paleontologo, Dipartimento Scienze Naturali Università di Siena.

- Prof. Giuseppe Sermonti (1925-2018), genetista, biologo molecolare, biochimico.

- Guy Berthault, sedimentologo.

- Prof. Edward Boudreau, professore di chimica all'Università di New Orleans.

- Prof. Maciej Marian Giertych (1936), dendrologo, Polish Academy of Science.

 

 

 

 

La Teoria dell'evoluzione è falsa:

 

Gli errori della Teoria dell'evoluzione:

 

Il paleontologo Roberto Fondi e il mito dell'evoluzione

 

La genetica esclude l'evoluzionismo

 

 

 

 

 

 

BIBLIOGRAFIA 

 

 

Giuseppe Sermonti e Roberto Fondi: "Dopo Darwin: critica all'evoluzionismo", Rusconi Libri, Milano, 1982.

 

Quest'opera (scritta da un genetista di nome internazionale, Giuseppe Sermonti, e da un giovane paleontologo, Roberto Fondi) approda ad una conclusione sorprendente: l'evoluzione biologica non è altro che un mito. Gli autori ribaltano, con una documentazione ineccepibile, il fondamento intangibile su cui si è sostenuta la biologia dell'ultimo secolo.

La biologia – sostiene Sermonti – non ha alcuna prova dell'origine spontanea della vita, anzi ne ha provata l'impossibilità. Non esiste una gradazione della vita dall'elementare al complesso. Dal batterio, alla farfalla, all'uomo la complessità biochimica e genetica è sostanzialmente uguale; i meccanismi e le funzioni biologiche basilari sono ovunque gli stessi, nell'invisibile e nel gigantesco. Dalla prima comparsa di fossili ad oggi – dimostra Fondi – la diversità e la ricchezza delle forme viventi non sono aumentate. Nuovi gruppi hanno sostituito i più antichi, ma quelle forme intermedie che gli evoluzionisti hanno disperatamente cercato non esistono.

Le diverse forme della vita compaiono improvvisamente, senza ascendenti rintracciabili. Esse sono variazioni su temi centrali permanenti, espressioni di un'armonia perenne e non prodotti storici del caso. Di fronte all'utilitarismo darwiniano, all'atomismo di Monod e al bricolage di Jacob, gli autori riaffermano la goethiana dignità della forma, entro l'immensa architettura d'un universo "dato tutto insieme", con tutte le sue leggi.

 

 

 

Giuseppe Sermonti:  "Dimenticare Darwin. Perché la mosca non è un cavallo?", Nuova Edizione, Il Cerchio, Nuova Edizione, Rimini, 2017.

 

Questo libro non affronta l'annoso conflitto evoluzione-creazione. Il titolo Dimenticare Darwin è un invito a spostare l'attenzione su altri temi. Cercando la spiegazione dell'Evoluzione nelle molecole, il biochimico ha dovuto constatare che "non sono le differenze biochimiche che hanno generato la diversificazione tra gli organismi" (Monod, 1977). Con il confronto molecolare non sappiamo neppure rispondere alla domanda "Perché una mosca non è un cavallo?". Se un uomo ha quasi gli stessi geni di un topolino, di un insetto o di un fiore, dove è allora la base genetica della nostra singolarità? Il mistero della forma naturale e delle grandi differenze tra i viventi è fuori del DNA, in "campi" immateriali che prescrivono le forme nello spazio. Al di là delle molecole altri percorsi ci attendono, che incontrino il senso, la bellezza e le meraviglie delle forme naturali, senza pretendere l'ultima parola, e lasciandoci stupiti alla soglia del mistero. Dimenticando Darwin, Sermonti ripercorre alcune di queste strade e invita il lettore a seguirlo, a divertirsi, a perdersi e a ritrovarsi. Nel finale l'Evoluzionismo è prospettato come una versione laica del Genesi biblico.

 

 

 

Giuseppe Sermonti:  "Le delizie della biologia. Il problema della forma e la retorica del DNA", 2010.

 

La biologia moderna è esplosa, subito dopo l'ultima guerra, in pochi anni, che hanno visto l'entrata in scena del DNA, la scoperta del codice genetico universale, la decifrazione del "testo" completo di decine di specie, tra cui quella umana. Con l'ingegneria genetica sembrò di essere giunti al sacro confine della vita artificiale e alla soglia della manipolazione della Natura. Si è poi capito che l'evoluzione non è una questione di differenze molecolari e che i DNA di specie lontane sono molto più simili tra loro di quanto ci si aspettasse. E la biologia vaga oggi in cerca di uno spazio fuori della storia dal quale misteriosamente emergano, come magici cristalli, le forme viventi. In questo saggio sono raccolti una sessantina di editoriali con cui l'Autore ha aperto la "Rivista di Biologia", di cui è stato direttore dal 1980, testimone stupefatto delle delizie e dei ripensamenti di questa disciplina.

 

 

 

Enzo Pennetta: "Inchiesta sul darwinismo. Come si costruisce una teoria. Scienza e potere dall'imperialismo britannico alle politiche ONU", Cantagalli Editore, Siena, 2011.

 

La cronaca e l'attualità mostrano che nel mondo contemporaneo la scienza ha assunto la funzione di legittimare il potere: molte delle scelte più importanti non possono infatti essere compiute senza il sostegno di questa autorità, l'unica in grado di generare un consenso unanime. Questo stato di cose ebbe inizio nel '600, quando in Inghilterra si fece strada l'idea di uno Stato legittimato da una classe di scienziati: fu Francis Bacon a proporlo nella Nuova Atlantide.

Da quell'idea nacque la Royal Society, la "casta sacerdotale" di scienziati che avrebbe supportato l'Impero Britannico. Tuttavia ben presto fu evidente che quella casta aveva bisogno di un testo di riferimento, di una nuova "Bibbia" capace di offrire una nuova visione del mondo: l'occasione buona sarebbe giunta nel 1859 quando Charles Darwin pubblicò l'Origine delle specie.

Era una teoria che si prestava a divenire una sorta di seducente mito moderno della creazione, un mito basato sulle idee classiste dell'economista Thomas Robert Malthus. Da allora quelle idee si sono affermate come verità di natura, giungendo ad orientare le politiche degli stati occidentali e delle Organizzazioni Internazionali, non esclusa l'ONU.

Una vicenda di cui questo libro vuole essere il puntuale e fedele racconto.

 

 

 

Enzo Pennetta: "L'ultimo uomo. Malthus, Darwin, Huxley e l'invenzione dell'antropologia capitalista", GOG Edizioni, 2017.

 

Come si costruisce un'ideologia? Il saggio di Enzo Pennetta risponde precisamente a questo interrogativo. L'ultimo uomo è un'inchiesta nelle retrovie storiche, filosofiche, antropologiche, scientifiche di un grande apparato ideologico di cui oggi non si ha più cognizione, di un paradigma di pensiero, di una meta-struttura che si dispiega a partire dall'opera di Malthus fino alle attività sovversive delle ONG. Come in ogni ideologia, l'aumentare del raggio di influenza determina il diminuire della sua percezione. Stiamo parlando della nascita di un dispositivo di potere e per dispositivo adoperiamo la definizione di Deleuze: "discorsi, istituzioni, strutture architettoniche, decisioni regolative, leggi, misure amministrative, enunciati scientifici, proposizioni filosofiche, morali e filantropiche". Pennetta esamina la nascita della modernità e della postmodernità fino a delineare un ipotetico futuro verso cui il nostro presente sembra proiettato e che ha già le sue formazioni sociali attive: il trans o postumanesimo.

 

 

 

Enzo Pennetta: "Il quarto dominio. Il posto dell'uomo nella natura", Historica edizioni, 2019.

 

 La fine delle ideologie viene dichiarata nel 1989 con la caduta del muro di Berlino, da quel momento si apre la strada per l'affermazione di una società neoliberista e darwiniana che si propone come legge di natura affermando così di non essere a sua volta un'ideologia. Si tratta di una visione fondata su un'antropologia ottocentesca ormai superata dalle attuali conoscenze scientifiche, la nuova concezione dell'Uomo è molto diversa e apre la strada ad una profonda rivoluzione antropologica che costituisce l'unica possibilità per una reale alternativa al modello socioeconomico neoliberista.

 

 

 

 

Massimo Piattelli Palmarini e Jerry Fodor: "Gli errori di Darwin", Feltrinelli, Milano, 2012.

 

In questo libro Massimo Piattelli Palmarini, biofisico e scienziato cognitivo, e Jerry Fodor, filosofo del linguaggio e cognitivista, sostengono che il principio darwiniano di selezione naturale e di progressivo adattamento all'ambiente non è verificabile. Anzi, con grande probabilità, è sbagliato. Lo dimostrano i dati più recenti della ricerca genetica, embriologica e biomolecolare. E lo dimostra l'esame stringente della logica interna della teoria darwiniana. Sulla scia di Stephen J. Gould e Richard Lewontin, i primi evoluzionisti a mettere in seria discussione il principio di selezione naturale, Piattelli e Fodor processano Darwin e i suoi seguaci più ortodossi. Oggi, sostengono, possiamo affermare con certezza che i viventi evolvono. Quali siano però i meccanismi che innescano il cambiamento è questione controversa e non ancora del tutto chiara. Atei, materialisti, non sospetti di derive creazioniste, i due autori credono che non esistano nella scienza discussioni "inopportune". Al contrario, proprio nel nome della scienza occorre discutere con chiarezza e onestà i presupposti, i riscontri e le aporie di tutte le teorie scientifiche. Darwin e il darwinismo sono stati a lungo ritenuti fondamentali per comprendere la natura del vivente, ma non sono un feticcio che non possa essere messo sotto osservazione critica.

 

 

 

Marco Pizzuti: "Scoperte scientifiche non autorizzate - Oltre la verità ufficiale", Edizioni Il Punto d'Incontro, Vicenza, 2011.

 

"Scoperte scientifiche non autorizzate" solleva molte inquietanti questioni: ripercorre la storia di Nikola Tesla, uno straordinario e al contempo misconosciuto scienziato che con oltre 700 brevetti rivoluzionari ha gettato le fondamenta tecnologiche della società moderna; ci parla di molti altri "scienziati ribelli" condannati all'oblio dall'establishment scientifico; fa luce su uno dei più diffusi miti della nostra epoca, "la libera scienza al servizio di tutti", dimostrando come in realtà sia l'élite finanziaria globale a manipolare consapevolmente il progresso tecnologico. Il libro di Marco Pizzuti è un saggio, fondato su fatti e storie vere, che non ha nulla da invidiare al più sconvolgente dei romanzi e che ci lascia intravedere quanto potrebbe essere migliore il nostro mondo se solo fosse realmente libero.

 

 

 

Robert B. Laughlin:  "Crimini della ragione: strategie occulte di protezione della conoscenza", Bruno Mondadori Editore, 2009.

 

La premessa provocatoria di questo libro, strutturato come un'inchiesta ma scritto da uno scienziato e premio Nobel, è che l'informazione non è diffusa come crediamo, perché governi e industrie limitano l'accesso alla conoscenza attraverso una indebita estensione del concetto di proprietà intellettuale. Raccogliendo storie e casi esemplari, Robert B. Laughlin dipinge il ritratto inquietante di un mondo dove le informazioni che veramente contano (per il loro peso economico) sono controllate da un ristretto numero di individui, e apre dunque il dibattito su un tema urgente, che non può essere ignorato.

 

 

 

Rupert Sheldrake: "Le illusioni della scienza. 10 dogmi della scienza moderna posti sotto esame", 2013.

 

La scienza si è illusa di aver già compreso la natura della realtà: le questioni fondamentali hanno già trovato risposta, lasciando solo i dettagli da definire. Rupert Sheldrake, uno degli scienziati più innovativi ed esponente di quello che viene definito un approccio "organicista", pensa invece che le scienze stiano attraversando una impasse determinata proprio da ipotesi date regolarmente per sottintese, mai messe in dubbio, accettate come un articolo di fede. Egli sostiene che la "visione scientifica", ancorandosi ai suoi assunti trasformati in dogmi, sia diventata un sistema di credenze: tutta la realtà è o materiale o fisica, il mondo è una macchina, e la materia è priva di coscienza, il libero arbitrio è illusorio, le leggi di natura sono costanti e la natura è senza finalità, la coscienza non è altro che l'attività fisica del cervello e Dio vive solo come un'idea nella mente umana, la medicina meccanicistica è l'unica che funziona veramente, e così via. Sheldrake individua dieci "dogmi" del materialismo, trasforma ciascuno di essi in una domanda e a ciascuno dedica uno dei capitoli del libro, in cui sottopone a esame la sua credibilità, i problemi e le anomalie che possono metterlo in crisi, le ricadute nella pratica della vita e della ricerca dell'atteggiamento fideistico che lo supporta. Aprendo nuovi possibili percorsi di indagine, svincolandosi da tali dogmi, la scienza sarebbe migliore: più libera, più interessante, più divertente.

 

 

 

 

 

 

 

SULLA TEORIA DELL'EVOLUZIONE 

 

 

Le bizzarre teorie negazioniste sull’evoluzione

Università di Padova

 

 

 

 

 

 

L'evoluzione spiegata bene n°1:

la teoria di Lamarck

 

L'evoluzione spiegata bene n°2:

la selezione naturale prima di Darwin

 

L'evoluzione spiegata bene n°3:

il darwinismo sociale

 

 

 

 

BIBLIOGRAFIA

 

 

Charles Darwin: "L'origine delle specie", Bollati Boringhieri, Torino, 2011.

 

Pochi libri hanno avuto nella storia un’influenza tanto radicale, capillare e duratura come L’origine delle specie di Darwin. Rielaborato e meditato per quasi vent’anni nella quiete della campagna inglese, alla sua pubblicazione, nel 1859, questo capolavoro della letteratura moderna ha cambiato per sempre il nostro modo di vedere il mondo, segnando da allora un "prima" e un "dopo". La teoria della selezione naturale, proposta in queste pagine, è alla base della moderna biologia evoluzionistica, ma damolti decenni ormai èentrata a far parte delnostro bagaglio culturale più ampio, ben al di là del suo merito scientifico. E, come per tutti i classici, la sua attualità non tramonta e continua a stupire.

 

 

 

Telmo Pievani: "La teoria dell'evoluzione. Attualità di una rivoluzione scientifica", 133 pgg., Collana Farsi un'idea, Il Mulino, 2017.

 

Alla luce delle ricerche più recenti, il libro introduce i fondamenti della teoria evoluzionistica - formulata da Charles Darwin più di un secolo e mezzo fa - al cui centro stanno tre spinte concomitanti: le sorgenti di variazione, la trasmissibilità di una parte di questa variazione di generazione in generazione, l'azione della selezione naturale nei mutevoli contesti ecologici. Ripercorre poi gli altri meccanismi che oggi integrano ed estendono il nucleo darwiniano della teoria, fino alla comparsa di Homo sapiens, un ramoscello nel ricco «cespuglio» degli ominini.

 

 

 

tephen Jay Gould e Elisabeth S. Vrba: "Exaptation. Il bricolage dell'evoluzione", Bollati Boringhieri, Torino, 2008.

 

Il concetto di "exaptation" è stato introdotto dai paleontologi Stephen J. Gould ed Elisabeth S. Vrba nel 1982, ma ha una lunga storia che risale alla risposta data da Charles Darwin nel 1872 alle obiezioni dello zoologo George Mivart circa la presunta incapacità della selezione naturale di render conto degli stadi incipienti di strutture naturali particolarmente complesse. Con il neologismo "pre-adaptation" Darwin introdusse la possibilità che in natura il rapporto fra organi e funzioni fosse potenzialmente ridondante, in modo da permettere che un tratto sviluppatosi per una certa ragione adattativa potesse essere "cooptato" o convertito per una funzione anche del tutto indipendente dalla precedente. Questa cooptazione funzionale, che integra e non sostituisce l'azione di implementazione graduale della selezione naturale, fu rinominata da Gould e Vrba exaptation, per indicare come gli organismi spesso riadattino in modo opportunista, come bricoleur, strutture già a disposizione per funzioni inedite. Il concetto di exaptation è quindi un caso di studio evoluzionistico particolarmente interessante, perché evoca il rapporto fra strutture e funzioni, fra ottimizzazione e imperfezione in natura, mettendo in discussione la visione "adattazionista" a lungo prevalente nel Novecento. Esso è inoltre il miglior antidoto contro gran parte delle argomentazioni neocreazioniste relative alla presenza in natura di un supposto "progetto intelligente".

 

 

 

Salvatore Arcidiacono: "L' evoluzione dopo Darwin. La teoria sintropica dell'evoluzione", 144 pgg., Di Renzo Editore, 2005.

 

L’evoluzione è un dato di fatto ormai accettato dalla quasi totalità dei biologi e dopo la scoperta del Big Bang è stata collegata ad un quadro evolutivo anche cosmologico. Tra le diverse teorie proposte per spiegare il meccanismo dell’evoluzione, la teoria sintetica, strettamente legata alla concezione di Darwin, appare come quella ufficiale. Una concezione vecchia più di un secolo che suscita l’esigenza di un nuovo paradigma. Luigi Fantappié, dopo l’avvento della relatività e dei quanti in fisica, ha dimostrato che accanto ai fenomeni entropici esiste una nuova classe: i fenomeni sintropici, di tipo finalistico, che corrispondono a quelli studiati dalla biologia. Salvatore Arcidiacono ci propone in questo volume la sua teoria sintropica dell’evoluzione, capace di tenere conto della complessità dei viventi, integrandola con la concezione darwiniana.

 

 

Stephen Jay Gould : "La struttura della teoria dell'evoluzione", 1.753 pgg., Codice Edizioni, 2012.

 

Un'opera che racchiude in sé tutti i libri di Stephen Jay Gould. Un grande progetto scientifico di revisione ed estensione della teoria dell'evoluzione darwiniana. Una sintesi tra ricerca specialistica e divulgazione che analizza la storia dell'evoluzione da un punto di vista scientifico, storico e filosofico, per proporre poi una personale visione, darwiniana e pluralista, di uno dei più affascinanti dibattiti intellettuali dell'ultimo secolo. In questa opera di ridefinizione della teoria dell'evoluzione, le idee più origianli del paleontologo americano vengono riprese e commentate in forma approfondita: dagli equilibri punteggiati, alla selezione di specie fino alla critica del programma adattazionista e del riduzionismo più facile.

 

 

A cura di Marco Ferraguti e Carla Castellacci, AA.VV.: "Evoluzione. Modelli e processi", 448 pgg., Pearson, 2011.

 

Questo libro affronta l'evoluzione da diversi punti di vista: la raccolta dei dati in discipline così diverse tra loro come la genetica di popolazione e la paleontologia, la botanica e la biologia molecolare, la sistematica e lo studio della simbiosi, ma anche la costruzione e la critica dei modelli evolutivi. I contributi degli autori, ognuno specialista di una disciplina diversa, sono stati amalgamati fra loro con l'intento di presentare al lettore interessato, e agli studenti di vari livelli di studio, quella disciplina vivace e produttiva di novità a ritmo quotidiano che è la biologia evoluzionistica. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Évolution : science ou croyance ?

 

 

L'âge réel des dinosaures ou la préhistoire

selon le Livre de Job - Thomas Seiler

 

Evolución: ¿hecho científico o creencia?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ACKNOWLEDGMENTS

Even the longest journey begins with a first step! Systemic Habitats is on line since the 18th of May 2012. This website was created to publish online my ebook "Towards another habitat" on the contemporary architecture and urbanism. Later many other contents were added. For their direct or indirect contribution to its realisation, we would like to thank: Roberto Vacca, Marco Pizzuti, Fiorenzo and Raffaella Zampieri, Antonella Todeschini, All the Amici di Marco Todeschini, Ecaterina Bagrin, Stefania Ciocchetti, Marcello Leonardi, Joseph Davidovits, Frédéric Davidovits, Rossella Sinisi, Pasquale Cascella, Carlo Cesana, Filippo Schiavetti Arcangeli, Laura Pane, Antonio Montemiglio, Patrizia Piras, Bruno Nicola Rapisarda, Ruberto Ruberti, Marco Cicconcelli, Ezio Prato, Sveva Labriola, Rosario Francalanza, Giacinto Sabellotti, All the Amici di Gigi, Ruth and Ricky Meghiddo, Natalie Edwards, Rafael Schmitd, Nicola Romano, Sergio Bianchi, Cesare Rocchi, Henri Bertand, Philippe Salgarolo, Paolo Piva, Norbert Trenkle, Gaetano Giuseppe Magro, Carlo Blangiforti, Mario Ludovico, Riccardo Viola, Giulio Peruzzi, and last but not least Ahmed Elgazzar.   M.L.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

          e x t e r n a l    l i n k s :

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 Number of Visitors from 2012 :

              Thanks for your visit !

 

      M.L.