الكثبان

 

 

 

D  U  N  E  S

 

THE ROLLER COASTER OF STAIRS,

a water fun

Part 2

 

 

by Michele Leonardi architect ©

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le Montagne Russe

 

di Scale

possono essere un parco acquatico di divertimento a sé stante, oppure un componente di un parco divertimento. Nel progetto di massima che si vede nelle immagini, le Montagne Russe di Scale si estenderebbero complessivamente su 1,3 ettari (pari a 13.000 metri quadrati), mentre le sole piscine si estenderebbero su meno di 5.000 metri quadrati (escluso il bacino di accumulo e compensazione).

 

Programma funzionale delle "Montagne Russe di Scale":

 

1) Un bacino di compensazione di acqua marina, e/o delle cisterne, acqua portata dal Marindotto, con funzione di accumulo, compensazione ed erogazione finale dell'acqua, sostanzialmente termale.

 

2) Un canale di collegamento tra il bacino e le piscine del parco acquatico.

 

3) Una prima unità di servizi, con funzione di ingresso, accoglienza, biglietteria, spogliatoi, guardaroba, ecc.

 

4) 3 percorsi labirintici al livello terra, tra loro collegati e collegati con le varie piscine e con il percorso sopraelevato delle "Montagne Russe di Scale".

 

5) 3 aree delle piscine tutte collegate tra loro.

 

6) Altre 2 unità di servizi, a livello terra, con varie funzioni: spogliatoi, guardaroba, servizi igienici, docce, bar, ecc.

 

7) "Le Montagne Russe di Scale", ossia un percorso labirintico sopraelevato (in realtà non sarebbe un vero e proprio labirinto, poiché non ci si può perdere, a parte qualche breve percorso senza uscita).

 

8) "Il Pozzo dei 157 Scalini", con in fondo, in sotterraneo, una fontana circolare con rispettiva vasca d'acqua in cui gettare le monetine a mo' di memento mori.

"Il Pozzo dei 157 Scalini" sarebbe profondo in tutto circa 23 metri  (come un edificio residenziale ad appartamenti di 7 piani ca.), con alzata da 15 centimetri ca. (variabile a seconda delle dimensioni della pedata) e pedata media variabile tra 55 centimetri a livello terra, fino a 30 centimetri ca. in fondo al pozzo. Ci sarebbero anche 3 o più nicchie di sosta, con panchine per sedersi, disposte lungo tutta la scala. A titolo orientativo, ricordiamo che i gradini della Grotta del Turco a Gaeta sono molti di più, cioè circa 300 scalini, con un dislivello di circa 50 metri, mentre quelli della scala elicoidale doppia del magnifico rinascimentale Pozzo di San Patrizio ad Orvieto sono ben 248, con una profondità di 157 metri. Altro esempio, in Grecia, per raggiungere da Santorini il livello del mare, cioè il Porto di Fira, bisogna scendere addirittura una scalinata di 600 gradini. Ovviamente con tutta questa ginnastica gli abitanti di questi luoghi sono giocoforza "tutti sani", cioè in salute.

 

 

 

 

 

 

Profondità delle vasche:  le piscine e i canali delle Montagne Russe di Scale avranno una profondità media di circa 1,40 metri, con aree di eccezione più profonde (zona tuffi, delimitata da appositi galleggianti) ed altre aree con profondità inferiore al metro destinate ai bambini, accompagnati dai loro tutori, nonché chiaramente segnalate e delimitate.

 

Energia elettrica:  i tetti fotovoltaici previsti assicurerebbero tutta l'energia elettrica necessaria per il funzionamento  degli impianti (pompe idrauliche, eventuali giochi d'acqua, fontane, bar, servizi, ecc.).

 

Sistema costruttivo:  la struttura architettonica del complesso verrebbe realizzata mediante cassoni cavi di calcestruzzo armato, prefabbricati ed essenzialmente di 4 tipi tra loro combinati: uno rivestito con cortina di listelli di laterizio, un altro semplicemente con calcestruzzo faccia vista, un terzo tipo di cassone con un motivo decorativo geometrico, come si vede nelle immagini, il quale esalterebbe la modularità sistemica della costruzione; ed infine un quarto tipo di casso con scalini, rifiniti in cemento oppure in laterizio.

Siffatti cassoni cavi prefabbricati si possono realizzare e mettere in opera in moltissimi modi: con scanalature di impilamento e bulloni metallici per essere fissati l'uno altro, con travi reticolari metalliche interne per formare gradi travature, con getti di calcestruzzo di solidarizzazione, si potrebbero anche riempire di sabbia per stabilizzare ulteriormente i cassoni posti ai livelli inferiori, se ve ne fosse la necessità, ad esempio per contenere la spinta pressoria dell'acqua lungo i bordi delle piscine, ecc.

 

Sicurezza: i parapetti saranno di 110 - 120 centimetri di altezza da pavimento, con fenditure non superiori ai 13 centimetri  (non ci deve passare la testa di un bambino).  Nei punti più estremi delle Montagne Russe di Scale i parapetti saranno anche più alti, fino a 160 - 180 centimetri  ca. (come si vede in alcune immagini).  Per quanto riguarda le scale più lunghe e più ripide, o avranno parapetti ulteriori trasversali di sicurezza rispetto alla accidentale caduta e rotolamento delle persone lungo le scale, oppure più semplicemente un pianerottolo intermedio ogni 15 scalini max, come prevedono le normative, almeno in Italia. Comunque questo non è ovviamente un progetto esecutivo, ma solo di massima, illustrativo dell'idea di Montagne Russe di Scale.

Un impianto del genere richiederebbe ovviamente personale sorvegliante, con bagnini, videocamere, altoparlanti per le emergenze, gli avvisi, guardie private, ecc., e pure un piccolo pronto soccorso con personale medico di salvaguardia.

 

Come tutti gli altri miei progetti, anche questo "è alla ricerca di un committente", seppure di questi tempi per un professionista dell'edilizia le possibilità di ricevere un incarico del genere siano molto probabilmente più o meno pari a quelle di vincere alla lotteria.  Forse sarebbe meglio non perdere tempo con il disegno e darsi ai gratta-e-vinci.

 

 

 

 

 

 

 

Il "Pozzo dei 157 Scalini".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

all rights reserved © Michele Leonardi architect

 

 

H D   s e l e c t e d   p i c t u r e s

DUNES - The Roller Coaster of Stairs 19
The Roller_Coaster_of_Stairs_by_Michele_[...]
Immagine JPG [2.9 MB]
DUNES - The Roller Coaster of Stairs 20
The Roller_Coaster_of_Stairs_by_Michele_[...]
Immagine JPG [3.0 MB]
DUNES - The Roller Coaster of Stairs 21
The Roller_Coaster_of_Stairs_by_Michele_[...]
Immagine JPG [2.0 MB]
DUNES - The Roller Coaster of Stairs 22
The Roller_Coaster_of_Stairs_by_Michele_[...]
Immagine JPG [2.9 MB]
DUNES - The Roller Coaster of Stairs 23
The Roller_Coaster_of_Stairs_by_Michele_[...]
Immagine JPG [2.9 MB]
DUNES - The Roller Coaster of Stairs 24
The Roller_Coaster_of_Stairs_by_Michele_[...]
Immagine JPG [2.9 MB]
DUNES - The Roller Coaster of Stairs 25
The Roller_Coaster_of_Stairs_by_Michele_[...]
Immagine JPG [3.2 MB]
DUNES - The Roller Coaster of Stairs 26
The Roller_Coaster_of_Stairs_by_Michele_[...]
Immagine JPG [2.5 MB]
DUNES - The Roller Coaster of Stairs 27
The Roller_Coaster_of_Stairs_by_Michele_[...]
Immagine JPG [1.6 MB]
DUNES - The Roller Coaster of Stairs 28
The Roller_Coaster_of_Stairs_by_Michele_[...]
Immagine JPG [2.0 MB]
DUNES - The Roller Coaster of Stairs 29
The Roller_Coaster_of_Stairs_by_Michele_[...]
Immagine JPG [2.1 MB]
DUNES - The Roller Coaster of Stairs 30
The Roller_Coaster_of_Stairs_by_Michele_[...]
Immagine JPG [3.0 MB]
DUNES - The Roller Coaster of Stairs 31
The Roller_Coaster_of_Stairs_by_Michele_[...]
Immagine JPG [3.0 MB]
DUNES - The Roller Coaster of Stairs 32
The Roller_Coaster_of_Stairs_by_Michele_[...]
Immagine JPG [1.5 MB]
DUNES - The Roller Coaster of Stairs 33
The Roller_Coaster_of_Stairs_by_Michele_[...]
Immagine JPG [1.8 MB]
DUNES - The Roller Coaster of Stairs 34
The Roller_Coaster_of_Stairs_by_Michele_[...]
Immagine JPG [2.5 MB]
DUNES - The Roller Coaster of Stairs 35
The Roller_Coaster_of_Stairs_by_Michele_[...]
Immagine JPG [3.3 MB]
DUNES - The Roller Coaster of Stairs 36
The Roller_Coaster_of_Stairs_by_Michele_[...]
Immagine JPG [2.2 MB]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ACKNOWLEDGMENTS

Even the longest journey begins with a first step! Systemic Habitats is online since the 18th of May 2012. This website was created to publish online my ebook "Towards another habitat" on the contemporary architecture and urbanism. Later many other contents were added. For their direct or indirect contribution to its realisation, we would like to thank: Roberto Vacca, Marco Pizzuti, Fiorenzo and Raffaella Zampieri, Antonella Todeschini, All the Amici di Marco Todeschini, Ecaterina Bagrin, Stefania Ciocchetti, Marcello Leonardi, Joseph Davidovits, Frédéric Davidovits, Rossella Sinisi, Pasquale Cascella, Carlo Cesana, Filippo Schiavetti Arcangeli, Laura Pane, Antonio Montemiglio, Patrizia Piras, Bruno Nicola Rapisarda, Ruberto Ruberti, Marco Cicconcelli, Ezio Prato, Sveva Labriola, Rosario Francalanza, Giacinto Sabellotti, All the Amici di Gigi, Ruth and Ricky Meghiddo, Natalie Edwards, Rafael Schmitd, Nicola Romano, Sergio Bianchi, Cesare Rocchi, Henri Bertand, Philippe Salgarolo, Paolo Piva, Norbert Trenkle, Gaetano Giuseppe Magro, Carlo Blangiforti, Mario Ludovico, Riccardo Viola, Giulio Peruzzi, Ahmed Elgazzar, and last but not least the kind Staff of 1&1. M.L.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

        e x t e r n a l    l i n k s :

 

 
 
 
 
  Number of Visitors from 2012 :

 

                 Thanks for your visit

 

M.L.